Acqua

Acqua

C’è una persona, al lavoro, che mi è piaciuta dal primo momento in cui l’ho vista. Ha una gentilezza e una sensibilità che toccano il cuore. È una persona che si fa domande, autocritica, e parla senza alzare mai la voce. L’altro giorno chiacchieravamo e io ho detto che l’aula dove facevo lezione quel giorno è quella che mi piace di più perché c’è il distributore dell’acqua e così posso risparmiarmi il peso (anche) della bottiglia nello zainetto. Ieri ho scoperto che ha preso su un boccione dell’acqua e me l’ha portato personalmente in un’altra delle aule, dove non c’era. E quando ho ringraziato ho fatto una gran fatica a trattenere i rubinetti. Quelli del mio boccione personale, intendo.

2 comments »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*